Traumi muscolari

Quando il cavallo viene lavorato a freddo, non ha una buona preparazione atletica, viene mantenuta una postura errata e spesso troppo castigata o si fa proprio un lavoro errato, nascono problemi che non solo sono dolorosi e traumatici per il cavallo, animale grande ma molto sensibile, ma che provocano veri e propri danni a livello muscolare che compromettono la salute ed il movimento del cavallo, anche una volta guariti se non curati a dovere accelerando i tempi. Ricordate sempre che un danno è pur sempre un danno e se non è ben riparato e non si fa prevenzione, in primo luogo con il corretto lavoro ed il riscaldamento obbligatorio prima di un qualsiasi sforzo ed il raffreddamento corretto dopo il lavoro, la situazione precipiterà sempre, e dopo un po’ di tempo saranno fatti danni gravi tali da compromettere l’attività del cavallo, in alcuni casi anche prima del tempo.

Questi problemi si prevengono quindi con la buona gestione del cavallo, l’adeguato riscaldamento al passo ed al trotto lento, prima di passare ad andature veloci e ad un lavoro più intenso, sia quando si lavora da terra che quando si lavora in sella, e l’adeguato raffreddamento. Anche se lo sforzo deve essere fatto per pochi minuti, o per il tempo di un solo salto è sempre bene riscaldare il cavallo perché ci vuole veramente poco per fare grandi danni.

Il massaggio muscolare e lo stretching, fatto da persone competenti e qualificate inoltre prevengono i problemi, e una volta risolti aiutano una migliore e più rapida guarigione. Fatti in prevenzione rendono il muscolo ossigenato ed elastico cosicché è più difficile incorrere in certi problemi, a patto che si attua la buona gestione dell’atleta. 

Quando però problemi gravi insorgono per svariati motivi, la cosa migliore da fare è affidarsi alle cure di un buon veterinario e seguire la terapia correttamente, dopodiché, per velocizzare ed avere il corretto recupero affidarsi alle mani di un buon fisioterapista è cosa buona, ed una volta guarito è bene prendere contatto con un massaggiatore che aiuta l'atleta a mantenere le buone condizioni. 
Il campo della terapia per la riabilitazione degli atleti Equini sta facendo grandi passi negli ultimi anni, quindi cercare ed affidarsi ai validissimi nuovi metodi è decisamente meglio che perdere un atleta o impedirlo per un infortunio che se prima era un enorme problema, oggi si può riparare con enorme successo. 
 

Crampo
È un dolore improvviso acuto. Non dura molto, in genere alcuni secondi, solo se molto intenso e violento si prolunga per qualche minuto, ma lascia il cavallo scosso poiché non sa cosa l’ha colpito. Il cavallo colpito da crampo reagisce accasciandosi a terra. Quando ciò accade è bene lasciare il cavalo tranquillo, e quando si rialza accompagnarlo al passo, in modo che si sciolga da solo e riprenda fiducia. Se il crampo è stato molto violento il cavallo può rifiutarsi di continuare a lavorare in quel momento, poiché associa ciò che stava facendo in quel posto con il dolore che lo ha colpito.

Il crampo è improvviso, ed è causato da una scarsa ossigenazione del muscolo, quindi cattiva circolazione nella zona colpita, accumulo di acido lattico, un trauma fisico, oppure dal troppo freddo, carenza di Sali minerali, o uno sforzo improvviso eccessivo o uno sforzo eccessivo prolungato nel tempo. Lavoro errato con postura errata anche del cavalo può causare un crampo, per questo è bene lavorare sempre con cavallo ben posizionato.


Contrattura muscolare
Il muscolo colpito è rigido e non è più in grado di distendersi, così rimane teso e dolente. La contrattura è improvvisa, ma causa molto dolore al cavallo, spesso una serie di spasmi muscolari piuttosto intensi precedono una contrattura.
Un cavallo colpito da contrattura muscolare continua a lavorare ma è molto rigido e non distende bene, manifesta  il dolore con rifiuti al lavoro più o meno plateali e atteggiamenti compensatori, che non fanno altro che peggiorare il problema.
La contrattura muscolare è causata da un mancato o cattivo riscaldamento, sforzo eccessivo e capacità atletiche non idonee o uno sforzo eccessivo ed improvviso.

Il massaggio muscolare aiuta a risolvere la contrazione muscolare.


Stiramento muscolare
Lo stiramento è causato da un eccessivo allungamento delle fibre muscolari che non sono più in grado di contrarsi nuovamente e tornare alla normalità. Ciò crea un forte dolore, molto più intenso di quello causato dal crampo e dalla contrattura. Il cavallo colpito da stiramento non riesce a muoversi bene o è bloccato, specie se colpisce gli arti, e solitamente si rifiuta di lavorare. Proseguire l’attività con uno stiramento in corso causa uno strappo muscolare, il che è veramente grave. Di solito anche il più collaborativo dei cavalli di fronte a questo dolore dice basta. Si nota immediatamente che non è un capriccio perché assume un atteggiamento strano, deambula male ed è davvero molto sensibile sulla parte colpita. Lo stiramento muscolare è la conseguenza di un lavoro fatto male e senza l’adeguato riscaldamento, di una preparazione fisica non idonea al tipo di lavoro che si sta eseguendo, cattiva postura mantenuta per un certo tempo compiendo uno sforzo, squilibrio muscolari, quindi un atteggiamento compensatorio per altri problemi causa facilmente uno stiramento, microtraumi ripetuti e poca elasticità muscolare.
Gli stiramenti colpiscono anche i tendini.

Una volta risolto il problema grazie ad un periodo di riposo e l’immobilizzazione della zona colpita, il massaggio muscolare e lo stretching aiutano a recuperare prima e meglio.


Strappo muscolare
È una grave lesione del muscolo. Le fibre muscolare si lacerano. È causato il più delle volte quando il muscolo è particolarmente stanco per un ulteriore sforzo importante, in caso di scarso allenamento, e poca elasticità muscolare. Lo strappo è tanto grave quanto doloroso e si manifesta con gonfiore localizzato. Il cavallo reagisce immediatamente con il rifiuta più totale al lavoro, si può accasciare al suolo e si muove sciancato. La lacerazione impiega del tempo a guarire, e se non trattata a dovere può presentare punti di tessuto cicatriziale rigidi che compromettono la flessibilità del muscolo.
Lo strappo colpisce anche i tendini.

Una volta risolto il problema con un periodo di riposo, l’immobilizzazione della zona colpita e la somministrazione di antinfiammatori (NO antidolorifici) sempre su consiglio del veterinario, il massaggio muscolare aiuta a recuperare l’elasticità e la flessibilità del muscolo, oltre a rendere morbido, elastico ed omogeneo al muscolo il tessuto cicatriziale.


Contusione muscolare
Le contusioni muscolari sono forti traumi che portano in casi gravi a lesioni del muscolo. L’immediata conseguenza della contusione muscolare è il dolore conseguito dall’ematoma, un gonfiore dolente. La contusione muscolare avviene a causa di una forte botta al muscolo, i danni maggiori si hanno quando il muscolo è rigido in contrazione, ma se l’impatto è forte, anche quando il muscolo è rilassato può avere danni non indifferenti. Una contusione muscolare è molto facile da provocare, anche quando si da gamba violentemente o si da una frustata forte si crea, anche se magari piccola, una contusione muscolare. Un altro modo comune è quando i cavalli ferrati si scalcano. Causare una contusione muscolare è molto semplice, ma non sempre essa è banale e facile da curare. In casi gravi è bene tenere il cavallo a riposo finché la parte gonfia non sia sgonfiata  e l’animale torna a muoversi liberamente.



Testo protetto da Copyright ©
Il presente testo è proprietà di Lisiana Patalano
Qualsiasi duplicazione senza consenso dei testi contenuti in Il Cavallo – Benessere & Bellezza di Lisiana Patalano è illegale e punibile con la legge

I post più letti

Limite di peso

Gasterophilus

Gonfiore degli arti

Puoi contattarmi qui

Nome

Email *

Messaggio *