Translate

Dolori muscolari, alcuni atteggiamenti che sono campanelli d’allarme

Dolori muscolari, alcuni atteggiamenti che sono campanelli d’allarme


I dolori fisici sono comunissimi e le cause assai varie.

Un cavallo che ha dolori, dal momento che non parla come noi umani, cerca di farsi capire, che sia in silenzio o con manifestazioni eclatanti, e ciò con degli atteggiamenti, spesso considerati di cattiva educazione, quando in realtà sono solo un modo per alleviare la tensione e dire “guarda, io ho questo problema”.

Gli atteggiamenti sono tanti, alcuni più o meno vistosi, e si presentano in caso di dolore forte o piccoli dolorini. Come noi umani anche i cavalli hanno la soglia del dolore assolutamente soggettiva. Io stessa ho incontrato cavalli che erano muscolarmente duri, come se fossero di cemento, manifestare poco la condizione dolorosa, e cavalli che per una piccola contrattura saltavano solo sfiorandoli e si movevano come degli storpi.

Quindi se avete dubbi accarezzate il vostro cavallo in cerca di rigidità, e non buttate li la solita ed odiatissima scusa “no, non ha niente, fa solo lo stupido”, perché non è così. Specialmente se è un cavallo laborioso ed a grandi linee disponibili quando “fa lo stupido” non la fa perché lo è, lo fa perché c’è qualcosa che non va.  

Come riconoscere le rigidità?

L'espressione facciale che manifesta disagio quando toccato o lavorato. Il cavallo può anche avere comportamenti decisamente aggressivi.

Un cavallo rigido si muove come se qualcosa lo bloccasse, anche quando è ben riscaldato.
Toccandolo i muscoli non sono elastici, ma sono molto duri.

Un cavallo privo di rigidità e dolori si muove con molta scioltezza, ed il suo fisico al tocco è sodo, piacevole…. Sembra di toccare un materasso nuovo per farla breve e non un sacco di cemento.

Gli atteggiamenti che sono manifestazione del dolore

Quelli che vi elenco sono quelli più eclatanti. Se avete dubbi contattate un massaggiatore o un buon veterinario, perché spesso il cavallo manda tanti altri piccoli segnali, e per capire dov’è il problema serve solo toccarlo.  

Dolore al collo:

  • Incapacità nel riunire. Non riesce a mettere testa e collo in posizione. Quando deve eseguire l’esercizio è riluttante e si agita, e se riunisce diventa rigido e non mantiene la posizione.
  • Alza continuamente il muso per aria allungando il collo
  • Allunga continuamente il collo in avanti e verso il basso
  • Si muove con il collo piegato da un lato, anche se la testa è grata dall’altro
  • Durante l’esercizio butta improvvisamente il collo e la testa in avanti, strattonando le mani del cavaliere
  • Anche se il collo è in posizione corretta, il cavallo butta la testa in avanti, o la dondola (dice si con la testa)
  • Difficolta durante la flessione, del collo ma anche di tutto il corpo
  • Difficoltà nel basculare, con conseguenze negative nelle andature del passo e del galoppo, specialmente nel galoppo
  • Il dolore al collo spesso si riflette sulla schiena


Dolori alla schiena:

  • Il cavallo è molto sensibile specialmente nella zona del garrese, oltre che dal garrese fino ai lombi
  • Sensibile ogni volta che viene stretto il sottopancia, si nota come diventa nervoso
  • Il cavallo non vuol far salire il cavaliere
  • Quando mettiamo la sella, o passiamo la spazzola, o anche semplicemente la mano il cavallo si innervosisce o sussulta
  • Non riesce a lavorare bene. Lavora storto, ha difficoltà nel riunire e nel mettere sotto i posteriori, che vanno per fatti loro
  • Difficoltà nell’eseguire gli esercizi di volta, cavalletti, barriere ed ostacoli
  • Il cavallo a riposo tende ad avere una posizione anomala della schiena che è troppo allungato
  •  Il cavallo insella la schiena, sia a riposo che durante il lavoro, con conseguente cattiva postura ed incapacità nel lavorare correttamente
  • Il cavallo inarca eccessivamente la schiena. Più a riposo che a lavoro.


Dolori al costato:

  •  Il cavallo non flette bene, e durante le volte va dritto e non forma la classica e corretta C
  •  Può essere restio nel far salire il cavaliere
  • È restio al sottopancia
  • Fa i capricci se vogliamo toccare il costato
  • Scattare anche se viene dato gamba molto delicatamente
  • In casi molto gravi in cui il problema diventa praticamente un’abitudine, il cavallo è sordo alla gamba. La perdita di sensibilità può essere collegata ad un dolore ormai diventato parte del quotidiano poiché il cavallo ci convive

Dolori al petto:

  • Il cavallo ha una falcata corta
  • È restio al sottopancia
  • Diventa nervoso quando tocchiamo il petto e la sona del sottopancia

Dolore agli anteriori:
L’anteriore parte dalla spalla fino allo zoccolo. Dolori in questa zona si riflettono anche sulla schiena e sul garrese.
  •  Il cavallo ha una falcata corta
  • Inciampa facilmente
  • È più o meno zoppo poiché evita di sforzare l’arto dolente
  • Cammina storto, cadente su un lato
  • Non tira bene, quindi è anche molto lento e pesante
  • Rifiuta di fare molti esercizi, specialmente se si tratta di volte, cavalletti, barriere e salti poiché il dolore non gli consente di alzare bene l’arto
  • Struscia i piedi per terra
  • Preferisce una mano piuttosto che l’altra
  • Non flette bene sul lato dolente o se riguarda entrambi gli arti non flette bene
  • Quando bisogna pulire gli zoccoli il cavallo fa fatica a rimanere in posizione e subito lo vuole mettere a terra


Dolore ai posteriori:
Gli arti posteriori partono dal gluteo fino allo zoccolo.
  •  Il cavallo ha difficoltà nel dare gli zoccoli
  •  Il cavallo non spinge bene, quindi è anche lento e pesante
  • Non riesce a galoppare bene, ha una spinta debole quindi evita di galoppare o galoppa poco e/o male
  • Non riesce a saltare bene, a fare le barriere o i cavalletti.
  • Struscia i piedi per terra
  • Ha una falcata corta
  • Zoppica
  • Non riesce a tenere sotto il posteriore durante la riunione


Tutti questi problemi sono campanelli d'allarme.  

Dal momento che tutto i muscoli lavorano assieme capita spessissimo che il dolore, situato intenso da una parte, si riflette negativamente su gran parte del corpo. La schiena ed il collo sono punti molto colpiti. Dolori agli arti spesso si manifestano sulla schiena, e dolori alla schiena sul collo.

Se il cavallo ha dolori agli arti non per forza ha problemi agli ai tendini o alle articolazione del garretto in giù e del carpo in giù; rimanendo in tema di articolazioni il problema può essere all’articolazione del gomito o della spalla, a quella del ginocchio o dell’anca. In tema di muscoli gli possono far male la spalla, l’avambraccio, ma anche il petto. Nella zona posteriore invece è colpito il gluteo, la coscia, il bacino, i lombi..


Come si risolvono i dolori?

Per risolvere il dolore bisogna innanzitutto capire la causa, dunque è necessario consultare un professionista.  


Copyright © 2014 – data odierna
Il Cavallo - Benessere & Bellezza di Lisiana Patalano.
Tutti i diritti riservati.


Post popolari in questo blog

Figure da maneggio

Perché il cavallo sfodera?

Cosa non deve mangiare il cavallo?