Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2014

I sensi del Cavallo – La Vista

Immagine
È molto importante ricordare che i 5 sensi del cavallo, come per tutti i viventi, lavorano in sinergia (olfatto e gusto lavorano assieme, vista, udito ed olfatto sono sempre a braccetto), e ciò permette la cosa più naturale del mondo che è il percepire l’ambiente attorno a se. Proprio come noi umani, anche i cavalli percepiscono l’ambiente circostante, seppur con diverse e notevoli differenze, impiegando tutti e 5 i sensi contemporaneamente. 

Proprio il fatto di percepire il mondo in maniera differente, è una spiegazione al fatto che i cavalli spesso reagiscono a “ciò che non c’è”. Non bisogna mai dimenticare che il cavallo è una preda, ed i suoi sensi sono sviluppati in modo da poter sopravvivere e salvarsi dai pericoli.

Conoscere il mondo sensoriale del cavallo è un buon inizio per capire e conoscere l’animale Cavallo.




I sensi del Cavallo – La Vista  Come la grande maggioranza degli esseri viventi, anche il cavallo fa un enorme affidamento sulla vista, e spesso ciò che vede è più imp…

I sensi del Cavallo – L’udito

Immagine
I sensi del Cavallo – L’udito
L’udito nel cavallo è un senso ben sviluppato ed indispensabile per la sopravvivenza e la vita nel branco.
Il cavallo può percepire suoni provenienti da una distanza media di 4,400 km, ma la capacità di localizzare la provenienza del suono non è molto precisa, individua la sorgente sonora in uno spazio approssimativo di 25° per orecchio; è la parte frontale dell’orecchio, dove viene canalizzato il suono. Di conseguenza non percepisce molto distintamente i suoni provenienti alle sue spalle, per questo il cavallo per esaminare attentamente un suono gira la testa, o anche tutto il corpo, a seconda della situazione. Anche semplicemente muovendo entrambe o un solo orecchio permette di percepire meglio un suono che attira la sua attenzione, senza però doversi girare.

Il cavallo è in grado di percepire suoni ad alta frequenza rispetto a noi umani, però di contro il suo udito non gli consente di percepire i suoni di frequenza più bassa, percepiti invece dall’or…

I sensi del Cavallo – Il Gusto

Immagine
I sensi del CavalloIl Gusto 
Il senso del gusto e dell’olfatto nel cavallo sono collegati. Quando il cavallo sente l’odore di un alimento riesce anche a percepirne il gusto se questi sono già conosciuti o meno, e quindi scegliere se mangiarlo o no, anche se su certi alimenti lo scegliere di mangiare oppure no può tanto essere oggettivo perché si tratta di un alimento nocivo, tanto può essere soggettivo, poiché in quel momento il cavallo non sente il bisogno di mangiare quel determinato alimento, o magari non lo conosce, o semplicemente non gli piace.

Anche i cavalli hanno preferenze in fatto di gusti.

Le papille gustative nel cavallo sono concentrate sulla lingua, ma disparse anche per tutta la bocca. I recettori sensoriali del cavallo sono sviluppati in modo da fargli riconoscere se un cibo è dannoso o meno, se è fresco o stantio, il contenuto di calorie, quali sostanze contiene ed in che percentuale, come il contenuto e la quantità di lipidi, di sali minerali, fibre, ecc..
Grazie…

I sensi del Cavallo - L'Olfatto

Immagine
I sensi del cavallol'olfatto

Il senso dell’olfatto dei cavalli è molto sviluppato, percepisce molti più odori rispetto a noi esseri umani.
La superfice olfattiva del cavallo è molto estesa e ricca di recettori. Oltre ad essere sensibilissima agli odori, risponde anche al senso del tatto, quindi un cavallo riconosce sostanze irritanti o meno.
Grazie all’olfatto il cavallo riceve tantissime informazioni riguardanti il cibo che gli viene offerto, il pascolo, l’ambiente circostante, altri animali, altri cavalli, gli esseri umani, ecc..

Ogni qual volta che il cavallo annusa, con attenzione, profondamente o continuamente un odore che ha individuato nell’aria, o qualcosa che lo incuriosisce, sbuffa spesso. Ciò serve a liberare la mucosa dal “vecchio odore” e renderla subito pronta per un nuovo odore, o per esaminare più approfonditamente.
La mucosa del cavallo è ricoperta da sottili e corti peli, quasi invisibili e setosi al tatto, ben diversi dalle vibrisse presenti sul bordo e dec…

Puoi contattarmi qui

Nome

Email *

Messaggio *

Chi sono

Sono Lisiana Patalano, appassionata di cavalli fin da bambina. Ho fatto della mia più grande passione un lavoro.

Mi occupo del benessere del cavallo, da campagna.

Ho indirizzato i miei studi e la mia pratica verso l’equitazione da campagna non a scopo agonistico. I cavalli da escursionismo, da trekking, i cavalli da equiturismo, ma anche il cavallo di famiglia per le passeggiate del fine settimana, ed i cavalli tutto fare del maneggio.

Categoria di cavalli dalle esigenze, per il benessere fisico e mentale, sottovalutata, eppure, cavalli soggetti a problematiche specifiche per il tenore di vita e di attività svolte.

In rete condivido le mie conoscenze, esperienze ed osservazioni riguardo la gestione ed il benessere del cavallo, e mi auguro che ciò posso tornare utile.

Come attività pratica lavoro in un piccolo maneggio di campagna, e come free-lance, mi occupo appunto del benessere dei cavalli di coloro che chiedono il mio aiuto.

Per il cavallo

Ginnastica, accompagnata da massaggio e stretching, mirata per ottenere e mantenere il fisico in ottime condizioni, così da poter svolgere al meglio il loro lavoro.

Doverosa la preparazione atletica per svolgere al meglio l’attività desiderata.

Ma queste attenzioni non sono solo per il cavallo in attività, ma anche per il cavallo ormai in pensione. Il benessere fisco contribuisce a mantenere rigoglioso il benessere mentale.

Anche l’addestramento per il cavallo da campagna è differente. Un addestramento come primo approccio all’attività futura, non sostituisce la dimestichezza che si matura con chilometri ed esperienze vissute, ma partire con un cavallo che ha una buona conoscenza di base, è fondamentale per costruire un lodevole cavallo da campagna. Inoltre, un cavallo ben preparato, fisicamente e mentalmente, è in una condizione, fisica e mentale, migliore, rispetto al cavallo che va, senza un percorso iniziale.

Per il binomio

Siccome il lavoro in campagna, il più delle volte, è un lavoro di squadra, il binomio, cavallo e cavaliere, deve conoscere e migliorare. Il mio non è solo un lavoro da fare sul cavallo e col cavallo, ma diventa un lavoro anche col binomio. Cavallo e cavaliere devono conoscere e trovare un giusto equilibrio, che sia incline al benessere fisico e psicologico del cavallo, del cavaliere e della sicurezza per entrambi.

Non nego la possibilità di costruire il cavaliere. Nozioni di base per l’equitazione da campagna, e come prendersi cura del cavallo.

Contatto

e-mail: Lisiana.Patalano@gmail.com

Il Cavallo – Benessere & Bellezza