Translate

La pipì, indicatore di salute

La pipì, indicatore di salute

Questo articolo non contiene diagnosi e né consigli veterinari per il fai da te, è solo uno spunto per l’osservazione.

Così come dalle feci, anche dall’urina possiamo capire lo stato di salute fisica generale del nostro cavallo.

Un cavallo in salute urina senza far fatica più volte nell’arco dell’intera giornata.
La sua urina ha un colore giallo trasparente. Non presenta striature di colore anomalo, diverse dell’ordinario giallo, e l’odore non è eccessivamente pungente, o “strano”.

Da l’azione di minzione, il colore, l’odore, la densità, e dalla frequenza, possiamo determinare, approssimativamente, lo stato di salute generale e giornaliero del nostro cavallo.

La minzione

Per urinare il cavallo deve per forza fermarsi, a differenza delle feci, l’urina non può essere espulsa in movimento, ma può essere trattenuta, quindi il cavallo necessita un attimo di quiete. Un cavallo in salute urina senza fatica.
Alcuni cavalli tendono a fare un verso, come un brontolio, durante la minzione, ciò non è preoccupante.
Un cavallo che sta svolgendo un’attività, più o meno impegnativa, e sente il bisogno di urinare, si fermerà, e prima di liberarsi impiegherà qualche istante in più rispetto al solito. Alcuni cavalli non si fermano ad urinare durante il lavoro, o se si trovano in un luogo in cui non sono a proprio agio, o se non gli viene data la possibilità di fermarsi. Possono però essere rigidi di addome e non sciolti nei movimenti, nei cavalli maschi si nota un lieve sfodero. 

Un cavallo che fatica ad urinare, ha qualcosa che non va all’apparato urogenitale. Anche nel caso in cui il cavallo ha delle perdite urinarie, possono esserci problemi all’apparato urogenitale. Questo problema è molto meno comune del precedente, ma non va trascurato. È importante chiamare il veterinario per una visita. Da non confondere le perdite con la cavalla in caldo che lascia tracce odorose di urina, o il cavallo terrorizzato che lascia uno spruzzo di pipì. Sono comportamenti ben diversi e che si presentano in specifiche circostanze. 

colore urina cavallo

Il colore

Dal colore possiamo capire lo stato di idratazione del cavallo, ma anche dello stato di salute generale.

L’urina in condizioni ottimali ha un colore giallo trasparente, e può variare da un più chiaro giallo paglierino, ad un più scuro giallo scuro.


L’urina di colore trasparente indica che c’è un eccesso di liquidi e quindi vanno espulsi.
Si verifica quando il cavallo assume più liquidi di quanti ne servono a l’organismo bevendo o tramite l’alimentazione.
Bisogna in questo caso prestare attenzione a due comportamenti: quanto e con quanta frequenza il cavallo beve; con quanta frequenza urina e questa è di colore trasparente.
Un cavallo che beve troppo e troppo spesso rispetto al solito senza che ce ne sia motivo, e perde liquidi, è indizio che c’è un problema in corso o in esordio. Bisogna contattare il veterinario.

Un’urina giallo ambra, molto scura, indica pochi liquidi, dunque poca idratazione ed il rischio di disidratazione. Si presenta quando il cavallo beve poco, ma anche quando suda molto ma non reintegra i liquidi persi.

L’urina torbida generalmente non è allarmante, in genere l'urina del cavallo non è limpida. 
Capita dopo un’attività fisica intensa o dopo un massaggio defaticante e drenante che il colore dell’urina sia più torbido del solito, così come la torbidità si presenta anche quando il cavallo ha perso liquidi e non li ha integrati, o la sua alimentazione è troppo salata, o troppo ricca. L’urina molto torbida si può anche presentare quando si utilizzano farmaci e integratori. Quando non è frequente ma occasionale il problema non sussiste, ma se l’urina è frequentemente davvero molto torbida senza una chiara causa, è il caso di fare un controllo poiché si presenta anche in caso di infezioni e malattie, e può essere accompagnata da una colorazione anomala e da un odore insolito.

Rosso mattone, è un chiaro sintomo di miosite, anche nota come mal del lunedì. È un problema da non trascurare. In casi gravi il cavallo rischia la vita. La miosite si verifica durante o a seguito di un’attività fisica eccessiva. Se il cavallo non svolge alcuna attività, il colore rosso mattone comunque non è positivo e bisogna contattare immediatamente il veterinario.

L’urina con del sangue, o dal colore molto scuro, marrone o nero, indica problemi molto gravi alle vie urinarie, o agli organi. È indispensabile contattare il veterinario immediatamente.

L’odore

Premesso il fatto che ogni soggetto ha un odore proprio, un’urina particolarmente maleodorante, pungente, che ha un puzzo di infezione o anche di pesce marcio, indica un problema di salute. In genere ciò è accompagnato da alterazioni nel colore e da un generale stato di indisposizione più o meno marcato. È necessario contattare il veterinario.

Ormoni, cure farmacologiche, ma anche alimentazione o l’assunzione di integratori possono influenzare l’odore dell’urina e renderlo diverso dal normale, senza però causare malessere.


Densità

Una normale urina è liquida, come acqua. Se è densa, o presenta residui solidi, qualcosa non va.

La frequenza

Un cavallo urina più volte nell’arco della giornata, in media circa 4 – 6 volte un cavallo adulto, nell’arco delle ventiquattro ore. Naturalmente ci sono soggetti che possono urinare più frequentemente rispetto agli altri.

Conoscendo le abitudini del proprio cavallo, si riesce a capire quando urina troppo o troppo poco, e da qui bisogna cominciare ad indagare. Il problema è legato all’idratazione. Meno è idratato, meno bagna, se invece assume troppi liquidi, bagna di più. Ma nulla esclude un problema di salute. Un cavallo che ad esempio beve poco, mangia pochi alimenti ricchi di acqua, ed urina spesso, o urina poco dopo aver assunto liquidi, è bene farlo controllare, così come un cavallo che beve molto ma urina troppo poco. Il quantitativo di urina è equilibrato dall'organismo in base ai liquidi assunti e necessari, e la perdita di questi anche con la sudorazione. Uno squilibrio è sospetto.

L’urina della cavalla in calore e dei maschi interi

In determinati periodi dell’anno, o in presenza di uno stallone, le cavalle vanno in calore, e per far sapere agli stalloni nelle vicinanze la loro disponibilità ad accoppiarsi, tendono a bagnare poco e di frequente. Non si stratta di una vera e propria minzione per liberare la vescica, ma è un modo per lasciare una traccia odorosa.
L’urina è densa, dal colore opaco, talvolta con sfumature rosee, e da un odore particolarmente pungente.
A questo rilascio di tracce odorose, si accompagna anche la minzione vera e propria.

Anche l'urina dei maschi interi ha un odore particolarmente pungente, talvolta un odore forte è presente anche nei maschi castrati da poco o che, nonostante la castrazione sia avvenuta da tempo, hanno una produzione di testosterone piuttosto elevata.


Coliche

Viene chiamato genericamente colica un dolore addominale, le cui cause sono varie. Un cavallo che manifesta coliche, e bagna troppo, troppo poco, o non bagna per nulla, ha un problema serio legato anche all’apparato urogenitale. Le cause possono essere varie.
Non bisogna sottovalutare il problema aspettando che passi da solo. Contattare immediatamente il veterinario. Un errore è quello di costringere il cavallo a bere. Ciò va evitato, l’unica soluzione è affidarsi al veterinario.

Meglio fresca che veccia

Affidarsi a ciò che si trova nella lettiera è bene, almeno per capire la frequenza, ma col passare delle ore avvengono reazioni chimiche che alterano l’odore ed il colore. I prodotti che spesso si utilizzano per disinfettare accentuano ciò.
Anche in paddock, a causa dell’aria e delle sostanze contenute nel terreno, il colore e l’odore dell’urina cambia col passare delle ore, non è affidabile monitorare la situazione da eventuali ristagni nel terreno.

Per capire le condizioni di salute, l’ideale è controllare durante o immediatamente dopo la minzione.

Perché sollevarsi quando il cavallo fa pipì?

Spostare il proprio peso dalla zona dorso-lombare del cavallo, mentre urina, gli consente di liberare più agevolmente la vescica poiché non c'è pressione sui muscoli. Il cavallo riesce a liberarsi anche con il cavaliere seduto, ma il peso del cavaliere è una scomodità, per questo è buona abitudine sollevarsi spostando il peso in avanti, o almeno spostare il proprio peso in avanti al momento della minzione se proprio non riesce alzarsi.


Copyright © 2014 – data odierna
Il Cavallo - Benessere & Bellezza di Lisiana Patalano.
Tutti i diritti riservati.

Post popolari in questo blog

Figure da maneggio

Perché il cavallo sfodera?

Cosa non deve mangiare il cavallo?