Post

Visualizzazione dei post da 2017

Il chiudi box

Immagine

Cavalli e fuochi d'artificio

Immagine
Cavalli e fuochi d’artificio

 I fuochi d’artificio sono l’incubo di molti proprietari di cavalli. Il periodo più temuto è capodanno, poiché moltissime persone sparano fuochi d’artificio, dando vita ad un vivace “scenario di battaglia”, eppure non solo a capodanno si usa sparare fuochi d’artificio, anche a ferragosto, o durante le feste, private o di paese, spesso si sparano fuochi d’artificio, quindi è bene sempre esser pronti per evitare brutte sorprese. Non si può impedire alle persone di festeggiare con i fuochi d’artificio solo perché “Il mio cavallo è infastidito ed ha paura”, quindi è bene ingegnarsi per far fronte a quell’oretta di caos.
Perché i cavalli temono i fuochi d’artificio? I cavalli, come tutti gli animali, temono ciò che non conoscono ed a cui non sono abituati, e che crea sensazioni negative. I cavalli hanno un udito molto fine, quindi il frastuono nelle loro orecchie è notevolmente accentuato, inoltre hanno una vista acuta, molto sensibile al movimento ed ai ca…

Alimentazione e salute? La sua popò ci dice tutto

Immagine

L’utilizzo dell’Alcool per asciugare il cavallo

Immagine
L’utilizzo dell’Alcool per asciugare il cavallo

Col freddo, le temperature non consentono al nostro amico peloso di asciugarsi in breve tempo, bisogna attrezzarsi in modo alternativo se non si dispone di lampade o di phon (esistono quelli appositi per equini, ma si può anche abituare un cavallo al rumore del normalissimo phon).
Un metodo ancora oggi utilizzato è quello dell’alcool, diffuso e anche molto vecchio. 
Usato in inverno, ma evitato in estate o nelle calde giornate di sole, in quanto non necessario.

Sia chiaro però che un liquido non asciuga un altro liquidi, quindi l’alcool non asciuga, ma causa una condizione che a sua volta causa l’evaporazione del liquido, che sia acqua o sudore, asciugando così il pelo e la cute. 

Purtroppo o per fortuna, solo perché il metodo è "usato da sempre", non significa che è buon metodo dal punto di vista della salute del cavallo, infatti, per quel che riguarda l'utilizzo dell'alcool, ci sono molti punti negativi che è b…

Il capezzino

Immagine
Il capezzino


Il capezzino è un elemento removibile, utile ma non essenziale, che compone la testiera.

Il capezzino serve a non far aprire eccessivamente la bocca al cavallo, in modo da fargli avere un maggiore contatto con l’imboccatura. Il capezzino si rivela un buon auto con quei cavalli che, per motivi di sensibilità o di vezzo, tendono a spalancare la bocca e sottrarsi all’azione della mano (parlo di una mano ben educata, con la dovuta sensibilità e tecnica), o che tendono a passare la lingua sopra l’imboccatura. Il capezzino non impedisce tale azione, ma spesso si rivela un buon aiuto, poiché il cavallo non può spalancare la bocca come fa quando è senza. Al capezzino si può applicare il chiudibocca, altro elemento removibile.
Esistono diversi modelli di capezzino, ma il più diffuso è sicuramente il modello semplice.

Come si indossa?
Il capezzino si applica alla capezza, passa sopra la nuca, e deve essere posizionato circa due dita sotto gli zigomi, in modo da agire sui musc…

Puoi contattarmi qui

Nome

Email *

Messaggio *

Chi sono

Sono Lisiana Patalano, appassionata di cavalli fin da bambina. Ho fatto della mia più grande passione un lavoro.

Mi occupo del benessere del cavallo, da campagna.

Ho indirizzato i miei studi e la mia pratica verso l’equitazione da campagna non a scopo agonistico. I cavalli da escursionismo, da trekking, i cavalli da equiturismo, ma anche il cavallo di famiglia per le passeggiate del fine settimana, ed i cavalli tutto fare del maneggio.

Categoria di cavalli dalle esigenze, per il benessere fisico e mentale, sottovalutata, eppure, cavalli soggetti a problematiche specifiche per il tenore di vita e di attività svolte.

In rete condivido le mie conoscenze, esperienze ed osservazioni riguardo la gestione ed il benessere del cavallo, e mi auguro che ciò posso tornare utile.

Come attività pratica lavoro in un piccolo maneggio di campagna, e come free-lance, mi occupo appunto del benessere dei cavalli di coloro che chiedono il mio aiuto.

Per il cavallo

Ginnastica, accompagnata da massaggio e stretching, mirata per ottenere e mantenere il fisico in ottime condizioni, così da poter svolgere al meglio il loro lavoro.

Doverosa la preparazione atletica per svolgere al meglio l’attività desiderata.

Ma queste attenzioni non sono solo per il cavallo in attività, ma anche per il cavallo ormai in pensione. Il benessere fisco contribuisce a mantenere rigoglioso il benessere mentale.

Anche l’addestramento per il cavallo da campagna è differente. Un addestramento come primo approccio all’attività futura, non sostituisce la dimestichezza che si matura con chilometri ed esperienze vissute, ma partire con un cavallo che ha una buona conoscenza di base, è fondamentale per costruire un lodevole cavallo da campagna. Inoltre, un cavallo ben preparato, fisicamente e mentalmente, è in una condizione, fisica e mentale, migliore, rispetto al cavallo che va, senza un percorso iniziale.

Per il binomio

Siccome il lavoro in campagna, il più delle volte, è un lavoro di squadra, il binomio, cavallo e cavaliere, deve conoscere e migliorare. Il mio non è solo un lavoro da fare sul cavallo e col cavallo, ma diventa un lavoro anche col binomio. Cavallo e cavaliere devono conoscere e trovare un giusto equilibrio, che sia incline al benessere fisico e psicologico del cavallo, del cavaliere e della sicurezza per entrambi.

Non nego la possibilità di costruire il cavaliere. Nozioni di base per l’equitazione da campagna, e come prendersi cura del cavallo.

Contatto

e-mail: Lisiana.Patalano@gmail.com

Il Cavallo – Benessere & Bellezza