Translate

Il sudore del cavallo

Il sudore del cavallo


Il sudore è la risorsa più vistosa, ma anche quella più efficace e dispendiosa di termodispersione del complesso sistema di termoregolazione del cavallo. Il sudore serve ad abbassare la temperatura corporea.

La termoregolazione nel cavallo

Il sudore è prodotto dalle ghiandole sudoripare apocrine, queste producono un sudore molto ricco e rispondono al sistema nervoso simpatico. I dotti escretori si aprono nel follicolo pilifero, ciò significa che da ogni follicolo pilifero viene rilasciato il sudore.

Il sudore del cavallo è ipertonico rispetto al plasma, la composizione è costituita per il 97% - 99% da acqua, la restante percentuale è composta da elettroliti e proteine, una proteina a cui prestare attenzione è la laterina, si tratta per l’esattezza di una glicoproteina ed è la responsabile dell’aspetto schiumoso del sudore del cavallo. Questo aspetto schiumoso e denso è indispensabile per permette al sudore di scivolare e spalmarsi uniformemente su tutta la pelle, impregnare il pelo e non evaporare troppo rapidamente, così da aumentare l’efficacia di termodispersione per evaporazione del calore.

Il sudore non è una risorsa illimitata, è esauribile e dispendiosa. Dispendiosa poiché vengono espulsi acqua ed elettroliti che bisogna necessariamente reintegrati. La perdita considerevole di liquidi causa disidratazione, quella di sali minerali causa squilibri elettrolitici con conseguenze assai negative per la salute ed il corretto funzionamento dell’organismo. Limitata poiché le cellule che producono sudore e laterina sono affaticabili, ciò significa che una sudorazione abbondante ed intensa per lungo tempo non è sostenibile dall’organismo il quale diminuisce man mano la produzione di sudore fino ad esaurimento, ciò a discapito della termodispersione, da qui il rischio di anidrosi che in parole povere si tratta dell’incapacità di sudare con la conseguente seria difficoltà ad abbassare la temperatura corporea facendo affidamento solo sulle altre risorse di termodispersione.

Durante l’attività fisica un cavallo può produrre da 5 a 15 litri di sudore l’ora, dipendentemente dall’intensità dell’attività fisica, dalla preparazione atletica del cavallo, dalla temperatura ambientale, dalla tolleranza del singolo soggetto e l’efficienza degli altri sistemi di termodispersione, dallo stato emotivo. Questa quantità non è eccessiva dato che un cavallo pesa in media 500kg. Ciò a cui bisogna prestare attenzione però è la durata della sudorazione, abbondanti sudate per un tempo prolungato vanno opportunamente monitorate ed al cavallo è indispensabile fornire acqua ed elettroliti. Una sudata dovuta ad una galoppata al paddock è decisamente meno intensa, meno prolungata e dunque non è una faccenda che richiede particolare attenzione. Durante il periodo estivo, specialmente nelle giornate dal clima caldo e umido, importante monitorare la sudorazione del cavallo, non solo durante il lavoro.

La produzione di sudore nel cavallo non è solo legata alla necessità fisiologica di abbassare la temperatura corporea quando questa sale. La sudorazione è strettamente connessa a l’emotività del cavallo. Cavalli ansiosi, o che si trovano in situazioni di forte tensione emotiva tendono a sudare molto. Anche situazioni di malessere fisico possono manifestarsi, oltre che con i sintomi del caso, con un’anomala sudorazione, la quale spesso a primo impatto passa meno inosservata rispetto ad altri sintomi, specialmente quando lievi.

Ogni cavallo suda diversamente. La sudorazione come già spiegato è condizionata da vari fattori, ogni soggetto si regola diversamente, dunque è errato valutare l’attività fisica svolta in base alla quantità di sudore prodotto. Una comune convinzione di scuderia afferma che un cavallo che suda di più è un cavallo che si è impegnato di più; non è affatto vero! Quantità di sudore e concreto impegno fisico non sono equiparabili. Lo stesso cavallo, svolgendo il medesimo lavoro ma in condizioni differenti suderà in modo differente, da qui l’inattendibilità della valutazione tramite il pelo bagnato.



Copyright © 2014 – data odierna
Il Cavallo - Benessere & Bellezza di Lisiana Patalano.
Tutti i diritti riservati.

Post popolari in questo blog

Figure da maneggio

Perché il cavallo sfodera?

Cosa non deve mangiare il cavallo?